Betanzos cittadina

Betanzos


cittadina


Betanzos è un comune spagnolo di 13.565 abitanti situato nella comunità autonoma della Galizia. È situato al termine della valle viticola del fiume Mandeo in una specie di penisola formata dai due fiumi Mandeo e Mendo che la circondano e confluiscono alla foce formando la ria de Betanzos. ( le rias sono fiordi caratteristici della Galizia in cui l'Oceano Atlantico penetra in profondità nel territorio alla foce dei fiumi). Fa parte della provincia di La Coruña (in galiziano A Coruňa) città principale della Galizia dalla quale dista 25 km. È dotata di piccolo porto fluviale sulla ria de Betanzos. Nella preistoria in Galizia già nel Paleolitico c'era una presenza di uomini che vivevano di caccia e pesca, il primo stanziamento di tribù in villaggi fu di popolazioni celte note ai Greci che chiamavano questi abitanti col nome di Kallaikoi. La conquista romana avvenne più tardi rispetto ad altre regioni spagnole, precisamente nel I secolo a.C. Nel I secolo i Flavi completarono l'occupazione e la città fondata dal capo celto Breogán ottenne privilegi diventando un Oppidum romano col nome di Brigantium Flaviu l'attuale Betanzos, i cui abitanti vengono appunto chiamati brigantini in ricordo del nome antico della loro città. Nel III secolo Diocleziano dichiarò provincia la Galizia col nome di Gallaecia con capitale Bracara Augusia l'attuale Braga portoghese, e Brigantium fece parte di uno dei 4 conventus in cui fu divisa la provincia, quello chiamato Conventus Luciensis con capitale Lucus Augusta, l'attuale Lugo. Con la calata dei barbari la Spagna fu attraversata dai popoli germanici degli Alani, Svevi, Visigoti e vandali, soltanto gli Svevi si fermarono in Galizia, si federarono con Roma e fondarono nel 410 un Regno Svevo coincidente con la provincia di Gallaecia dipendendo dall'imperatore. Cominciarono però presto i contrasti coi confinanti Visigoti che si erano stabiliti più a sud e che approfittarono delle lotte di successione nel regno svevo che portarono alla sua divisione in due regni nel 459 e a un successivo periodo buio fino al 550 quando il re Kamiarico li riunì nuovamente e si convertì di nuovo al cattolicesimo assieme al suo popolo che, sotto l'influenza visigota, era diventato ariano. A lui succedette Teodomiro da non confondere col re visigoto omonimo che firmò con gli Arabi il famoso Trattato di Teodomiro, in arabo di Tudmir. Con l'avvento degli Arabi-Berberi in Spagna nel 711 il Regno Svevo divenne praticamente un feudo degli Arabi, che imposero nel 783 con il re Abd-El-rahaman il cosiddetto Tributo de las cien donzellas con il quale si dovettero consegnare cento donne destinate al servizio dei califfi. L'indignazione popolare fu tanta che i cittadini di Betanzos si rivolsero armati contro gli Arabi e, secondo la tradizione, essendosi rotte le loro armi, staccarono dei rami da dei fichi e fu tale la loro foga che riuscirono ugualmente a far fuggire i nemici e a liberare le loro donne. A ricordo di questo eroico episodio nello stemma della città figurano appunto rami di fico. Nell'884 la città fu invasa e saccheggiata da un'incursione normanna. Nel 1212 Alfonso VIII concedette il titolo di Villa ponendola sotto la sua protezione e trasferendola nel Castro de Untia dove si trova ancora attualmente. Nel 1255 Alfonso X assegnò a La Coruña il monopolio per lo scarico del sale nel suo porto, che allora coincideva con quello di Betanzos, ciò contribui al risveglio economico e sociale della città nel XIII secolo, dovuto anche ad altri diversi fattori come il passaggio del camino frances de Santiago ed anche di quello ingles con ingresso in città dal porto fluviale, che portarono scambi culturali e commerciali col resto dell'Europa medioevale. Aumentò l'attività marinara e s'incrementò l'urbanizzazione. In questo secolo conseguirono maggior potere le autorità ecclesiastiche e si costruirono chiese e conventi, mentre si verificò la concentrazione delle proprietà terriere nelle mani di latifondisti. Il regno di Galizia passò in potere dei re delle Asturie e Leon e nel XIV secolo passò definitivamente nel regno di Castiglia. Il XIV secolo segna un periodo buio per la Galizia e quindi anche per Betanzos per le carestie che si verificarono e per l'epidemia di peste. Nel 1465 il re Enrico IV concesse a Betanzos il titolo di città coi privilegi che ciò comportava compreso una limitata potestà di autogovernarsi indipendentemente dal potere centrale. Nel 1490 i Re Cattolici restaurarono le mura che in parte cingevano la città e nominarono Betanzos una delle sette capitali delle province in cui divisero il Regno di Galizia. Nel 1569 un gravissimo incendio distrusse buona parte della città che fu poi ricostruita nel corso del XVI e XVII secolo. Nel 1713 si costituì il Reggimento militare di Betanzos con soldati del luogo che si distinse poi nel corso della guerra napoleonica e venne sciolto nel 1812. Nel 1834 si verificò una riorganizzazione territoriale della Spagna che portò alla soppressione della provincia di Betanzos che entrò a far parte di quella di La Coruňa, com'è tuttora. Alla fine del XIX secolo arrivò il treno della linea ferroviaria Madrid - Betanzos - La Coruňa che contribuì a dare un nuovo impulso all'economia della città. Gli avvenimenti del periodo burrascoso del secolo XX per la Spagna ebbero su Betanzos lo stesso peso che nelle altre città della nazione, anche se la Galizia e soprattutto El Ferrol furono oggetto di particolare riguardo durante la dittatura di Franco che era galiziano. Oggi l'economia di Betanzos si basa sull'agricoltura, l'attività marinara e quella turistica.

© wikipedia

Betanzos è è un punto tappa Il Cammino Inglese. Puoi raggiungere Santiago de Compostela in 3 giorni.

dove dormire

mostra la lista completa